Chi siamo

Nelle Metamorfosi di Ovidio, Salmace è una ninfa che vive presso una fonte nella regione della Caria. Innamorata del bellissimo Ermafrodito, che la respinge, ottiene dagli dèi che i loro corpi siano fusi in uno solo. Ermafrodito maledice la fonte e chiede che chiunque si bagni in quelle acque condivida il suo destino.

Nel 1929 lo scrittore Mario Soldati pubblica la raccolta Salmace, che contiene un racconto omonimo dall’impianto kafkiano. Il protagonista, tuttavia, si risveglia tramutato in donna anziché in scarafaggio.

L’album Nursery Crime (1971) dei Genesis si chiude con un pezzo lungo quasi otto minuti, intitolato The Fountain of Salmacis.

Salmace è ora anche una rivista letteraria di Narrazioni e Metamorfosi. Cerchiamo un particolare tipo di sguardo rivolto al surreale, all’inconsueto, al mutevole: cambi di genere, identità indefinite, esseri cangianti.

Accogliamo tutte le scritture ibride e sperimentali, quelle che mescidano lingue, registri e stili. Ci interessano il grottesco, il weird, l’onirico, la commedia nera, ma anche il quotidiano: l’importante è che porti con sè un cambiamento.

Insomma, cerchiamo quel tipo di narrazione che non si possa definire con categorie classiche e che non trova spazio altrove.
Ora quello spazio esiste, e si chiama Salmace.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito